Blog: http://angolosbocco.ilcannocchiale.it

Duna volante (pericolo costante).

Quand’ero piccolo per fare la pace bastava dirselo, o darsi la mano.
Ora, dice il ministro della difesa, servono gli F35.
E dicono che i costumi non si evolvono.

Che poi il ministro Mauro, ricordiamocelo, è un ciellino puro, 100% compagnia delle opere.
Ecco, già me li vedo.
Meeting dell’amicizia, Rimini, 2013: “Scambiatevi un segno di pace”. E in platea tutti iniziano a scambiarsi cacciabombardieri. è un po’ complicato a livello logistico, ma vuoi mettere l’impatto emotivo?

Gli F35, questi sconosciuti. No perché per comprarli bisogna davvero non conoscerli.

L’F35 è prodotto in 3 versioni, per venire incontro alle esigenze della famiglia ma anche dei palati più raffinati: l’allestimento base atterra e decolla normalmente, la versione comfort decolla normalmente e atterra in verticale. E poi c’è la versione abarth, con il decollo a catapulta (problema della catapulta: pare che via sia la possibilità che l’aereo resti immobile e la portaerei parta all’indietro).

L’F35 “non è in grado di virare, né di salire di quota, né di accelerare”. Però pare che faccia un caffè cremoso che è la morte sua. Sua del pilota, s’intende. (Sta cosa l’ha detta un tipo della Lockheed. Fosse un aereo costruito dalla Boeing capirei, ma è prodotto dalla Lockheed).
L’F35 ha problemi di visibilità posteriore. No, non è un problema per il parcheggio, è che in teoria gli F35 servirebbero per combattere anche contro altri aerei. Altri aerei che vedono dietro, virano, salgono di quota, accelerano. Praticamente come giocare scapoli contro Real Madrid (o Bayern contro ammogliati, fate voi).
L’F35 non può fare l’atterraggio verticale (quello necessario per atterrare su molte portaerei) se c’è tempo caldo, umido o se c’è bassa pressione. Però considerato che le portaerei di solito le trovi nei deserti o in alta montagna non dovrebbe essere un vero problema. (a dire il vero può atterrare con caldo o umido, ma prima deve sganciare le bombe e finire la benzina. Comodo, economico, quasi furbo).
L’F35 non vira, non accelera, non sale, non vede dietro e non atterra. Insomma, è una Duna Weekend con le ali. Ma costa come tutta la Fiat.


L’Italia avrebbe tanto bisogno di un refresh, e invece ci danno i cacciabombardieri di pongo. Chiedo F5 e mi danno F35: cristo, perché?

Pubblicato il 23/5/2013 alle 13.54 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web