Blog: http://angolosbocco.ilcannocchiale.it

Aridatece Latorre!

Debora Serracchiani, la gggiovane che le ha cantate e suonate al Pd finché non le hanno dato un posto, rilascia un 'intervista a Repubblica, dimostrando di essere davvero gggiovane e di rappresentare la speranza per l'Italia che verrà.
Lei, che ha attaccato duramente il gruppo dirigente vecchio e logoro, si schiera con il nuovo che avanza: Franceschini, Marini, Fioroni, Fassino, Veltroni. Insieme fanno la combriccola degli -ini, -oni, -ino, -ani. O, se preferite, la combriccola del "ni": quelli del sì ma anche del no.
Lei che è ggggiovane dentro non ne può più delle "piattaforme programmatiche". E ha ragione. Basta con i programmi, che mica servono a fare politica! Qua servono novità! Nuovi modi di pensare alla politica! Un esempio? "Sostengo Franceschini perché è più simpatico". Brava. E se la Bindi la trovi antipatica ma condividi le sue idee politiche cosa fai, te la porti a letto?
"Bersani è d'apparato". E chi li distribuiva i tuoi volantini? Chi li stampava? Chi li pagava? Lo spirito santo? Franceschini perché è simpatico? I ggggiovani perché sono ggggiovani? O l'apparato?
Ma poi arriva il meglio del meglio. Il momento in cui la nostra Debora, brutta ma non per questo intelligente, giovane ma non per questo diversa dai dinosauri di partito, laica ma non per questo laica (miracoli del pd), il momento in cui lei - dicevamo - dimostra di essere una fine politica.
"Di qua c'è il progetto del Pd, dall'altra parte c'è D'Alema. Io sto col Pd".
Da cui si deduce che il termine "Pd" non è sinonimo di "intelligenza", anzi: a congresso devono scegliere tra l'uno e l'altra, a quanto pare. E si deduce pure che la Debora si sente l'antagonista di Massimo. Un po' come se Burdisso si sentisse alla pari di Cristiano Ronaldo.
L'intervista volge al termine.
Le chiedono: "In questi mesi si è data una ragione della sua clamorosa e immediata popolarità?"
La risposta di Debora è una risposta gggiovane e di rottura: "E' il fatto che sono una persona normale".
Certo che sei normale, Serracchiani. E come tutti i normali prima scalpiti, poi quando ti danno l'osso diventi fedele al tuo buon padroncino e ringhi contro chi non gli vuole bene.
Sei normalissima, ggggiovane Debora. D'altra parte di straordinario al Pd non è rimasto nessuno. A parte Massimo, s'intende: antipatico, ma - roba da vecchi e d'apparato - intelligente.


Pubblicato il 1/7/2009 alle 11.11 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web