Blog: http://angolosbocco.ilcannocchiale.it

I musicanti di crema.

In provincia di Teramo è stato battuto il guinness dei primati da un uomo che ha suonato la chitarra per 50 ore consecutive. Pare che abbia avuto una crisi intorno alle 4 di notte, ma non si trattava di sonno: stava suonando un pezzo della Tatangelo e gli è venuto automaticamente un forte mal di stomaco accompagnato da varie convulsioni. A parte qualche Fa che è diventato un Si bemolle minore, le convulsioni non hanno dato grandi problemi.
Il livello delle esecuzioni è calato di molto durante le 50 ore. All’inizio il tipo cantava Summertime e La Donna Cannone, intorno alla ventesima ora ha iniziato con il Tuca Tuca e con Macho Man, alla trentesima ha suonato tutto il repertorio dei Pooh, per terminare dopo 50 ore con l’inno del milan.

E ora, quali altri record musicali bisogna battere? Ce n’è una serie...

Suonare ininterrottamente il campanello per 45 ore senza farsi uccidere né ferire gravemente dal proprietario dell’appartamento (che, affinché il record sia convalidato, deve essere presente in casa e ignaro di cosa stia succedendo).
Suonare ininterrottamente il clacson della propria auto per 24 ore davanti alla sede dei Vigili, sopra la quale abita una famigliola con bambini piccoli (e il cui capofamiglia partecipa alle ronde padane). Anche in questo caso occorre essere vivi al termine delle 24 ore.
Suonare ininterrottamente il controfagotto per 2 ore. Il record è valido solo se il suonatore alla fine riesce anche a capire cosa sia un controfagotto.
Suonare la campana del duomo per 36 ore consecutive usando il vescovo come batacchio. Il record è valido se, dopo le 36 ore, sono vivi sia il suonatore che il vescovo e, inoltre, se si è capito per chi suonava la campana.
Suonare l’allarme per 5 volte in 5 giorni facendo in modo che tutti ci caschino sempre, evitando cioè il noto effetto “pierino e il lupo”. Il record è valido se alla fine dei 5 giorni davvero non è successo un cazzo.
Suonare l’arpa per 3 ore consecutive in una sauna di dimensioni 60 X 60 centimetri. Perché il tutto sia convalidato, l’arpa deve rimanere intera.
Suonarle ininterrottamente per 9 anni a Fassino senza che lui se ne accorga (c’è da battere l’attuale record di 7 anni, detenuto da D’Alema). 

Pubblicato il 30/6/2008 alle 16.22 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web