.
Annunci online

 
angolosbocco 
Bisognerebbe cercare di essere felici, non fosse altro che per dare l'esempio (Prévert)
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  aggregatore delle sinistre
OMONIMO (michi)
rip
GE-NIA-LE!
Robecchi!
teresa
chiara
il blog di paola
il giovane zwingli (stile!)
il fu titollo (degnocomparedifassino)
miss welby
albicoccoalcuraro
il popolo sovrano
egine
unaperfettastronza
zarathustra!
invarchi!
sostiene proudhon
anellidifumo
rojarosevt
PAPARAZZIN
my personal resp org!
ciro
TheBreakfastClub
mi ha scoperto! (grazie)
nato mancino
chuck norris!
il vocabolario di zio nario
  cerca

Free blog counters




"Quando ho la sensazione che in fabbrica ci sia un po’ di disordine – mi diceva un giovane industriale – quando vedo che si profila uno sciopero, io prendo il mio yacht. Me ne vado. In crociera. Alle Bahamas. E mi porto dietro un po’ di operai". "Come viaggio premio?". "No, come ostaggi".
(Marcello Marchesi)


STUPIDARIO COMUNALE

"Mia figlia è stata assunta fruttai" (full-time, ndr)
"Melfi non è in Campania? AH già, infatti i miei parenti sono della costiera amalfitana, vengono da Malfi"
"Qui c'è una lettera che mi critica sul giornale. Ah, ma voglio proprio vedere la Stampa di domani. C'è scritto 'segue firma', domani la pubblicheranno!"

"Ho visto un soggiorno lifting..."
"C'è stata un'altra manifestazione di splatters"
(nel 1998): "Sono indaffarata per il centenario della Repubblica
"Ho saputo che tuo padre ha avuto un iptus".
"C'è in linea l'assessore della Fiat".
"Hanno trovato un pesce metà squalo metà serpente. Esiste da 80 milioni di anni!"."E' tutta colpa degli esperimenti nucleari".
"Abbiamo il nostro uomo all'Havana". "Non conosco il dottor Lavana".
(cercando la dott.ssa Cortese): "Avrei appuntamento con la dottoressa Gentile".
"Scusate il ritardo, ho dovuto portare mia moglie dallo speleologo".
(parlando dei propri associati): "I miei sudditi..."



__________________________________

"Per egemonizzare il pd servirebbe un esorcista". (tatablues)

"Ratzy è un pinguino vestito di bianco che dice porcherie". (Ale della classe di Antigone)




"Gli aziendalisti sono diversamente universitari".
(Zarathustra)

"Yes, weak end". (Indyeuge)




La frase del momento
La cordata, non c'è altro modo.

La jena più bella degli ultimi giorni

Infiltrati.
Maroni lancia l'allarme su possibili infiltrati nel corteo della Fiom. Oddio, ci va anche lui?

[www.lastampa.it]

Consigli per gli acquisti
Un terzino destro.

Il mio personale Pantheon del momento
Michele Serra
Bruno Buozzi
Javier Zanetti

James Bond
Giacinto Facchetti

La canzone del momento
Save the last dance for me (Tina Turner)

 

BlogNews


 

Diario | Attico | Le avventure del giovane Zwingli | Il Barone Rampicante | Vita da Al Fano |
 
Diario
1visite.

25 gennaio 2012

L.I.I.A. – Lega per l’Intolleranza alle Intolleranze Alimentari.

Dice uichipidia: è stato stimato che il 20% circa della popolazione ritiene di essere intollerante o allergica ai cibi, mentre, per quanto riguarda le sole allergie, gli accertamenti mirati hanno definito l’incidenza di queste intorno all’1,4–2%.

Dunque il restante 18–18,6% è intollerante? No, il restante 18–18,6% è mitomane: ritiene di essere intollerante e invece è sano come un pesce. A dire il vero potremmo dire che questo diociottopercento è intollerante, a patto di accettare “intollerante” come sinonimo di “mitomane”. Il che, detto tra noi, è proprio vero.

Vent’anni fa esistevano gli allergici? Certo, da sempre c’è gente che mangia un pezzo di melanzana e diventa viola, si gonfia e se non fai qualcosa magari muore pure (per la serie “mmm, sta parmigiana è proprio la morte sua”).

Vent’anni fa esistevano gli intolleranti? Certo, erano quelli che picchiavano i neri. Ora se dai a uno dell’intollerante invece che offendersi ti risponde “eh sì, il lattosio proprio non lo digerisco”. Lo vogliamo dire una volta per tutte? Le intolleranze sono solo una moda del cazzo. Però una moda molto remunerativa, ci sono dietisti o altre professioni assurde che ci campano su (e con i soldi che fanno mangiano qualunque roba, visto che sanno benissimo di non essere intolleranti a un bel niente).

Oggi se non sei intollerante a qualcosa non sei nessuno. Ci sono gli intolleranti semplici (latte, pane, peperoni), gli intolleranti generali (latticini, carboidrati, pesce), gli intolleranti specifici (latte albumina, istamina, miristicina), gli intolleranti creativi (la buccia del pomodoro crudo, il formaggio che fila, il riso a cena, la mocetta d’asino, gli organismi che vengono dall’acqua) e gli intolleranti sfigati (alcol, caffè, zuccheri).

Queste simpatiche persone non sono allergiche, è solo gente che si vergogna a dire che certe cose non le piacciono. Non ti aggradano i formaggi? Nessuno ti obbliga a mangiarli, ma non scassarci la minchia (no, correttore di word, non ho detto mischia, ho detto proprio minchia) che sei intollerante al caglio. Anch’io potrei dire di essere intollerante a mozzarella, cavolfiori, broccoli, finocchi, olive, gorgonzola, polipi, seppie, ricotta, gin, tonica e pompelmo. La verità è che mi fanno schifo.

Qualcuno dirà “ma no, ci sono cose che mi piacciono ma che non riesco a digerire”. Senti, mia nonna alla sera non mangiava i peperoni perché diceva che le “tornavano su”, ma non era intollerante a un cazzo. Vediamo di essere chiari: se hai la gastrite hai la gastrite, non sei intollerante. Curati la gastrite e mangia, per favore, mangia.

Perché diciamocelo una buona volta: l’unica cosa a cui vale la pena essere intolleranti è la stupidità, di cui le intolleranze alimentari fanno inequivocabilmente parte.

17 gennaio 2012

Chiamatelo Neurino.

A Torino sia il Pdl che i grillini propongono di emettere e diffondere il “taurino”, una moneta complementare, per sostenere l’economia locale e difendere i poveri cittadini dal carovita e dalla crisi dell’euro. E il capogruppo di Sel non esita ad appoggiare la proposta con entusiasmo.

Sarà bello avere una zecca comunale per stampare i taurini, la cui moneta da due taurocent avrà sopra il campanile di san marco per distinguerla dai due centesimi di euro. Le banconote invece avranno i volti di illustri torinesi: il Conte di Cavour, Piero Gobetti, Primo Levi, Flavio Montrucchio.

La diffusione sarà semplice: in ogni edicola si potrà acquistare un taurino al prezzo di 1,25 euro, tanto per incasinare un po’ i conti.

Questo permetterà di sostenere l’economia locale? Certo, la fondamentale industria di produttori di macchine per stampare banconote già si frega le mani. Anche i fabbricanti di parchimetri stanno fiutando il giro d’affari connesso al cambio di tutti gli apparecchi

Questo permetterà di difendere i cittadini dal carovita? Ovvio, che domande: tu vai dal panettiere con i taurini invece degli euri, quello ti prende per scemo e non ti vende il pane, così alla fine hai risparmiato. Per ovviare all’inconveniente della fame si sta pensando di emettere la moneta da due taurini in cioccolato invece che nichel.

Questo permettà di proteggersi dalla crisi dell’euro? Naturalmente sì. Infatti le quotazioni dell’euro rispetto al dollaro cambiano ogni giorno, e questo incasina i cittadini dato che i prezzi a Torino sono notoriamente in dollari. Invece con i taurini saremo tutti a posto.

L’introduzione del taurino non avverrà con una delibera, bensì con una grida manzoniana (non si sa ancora se “Renzoooo”, “Agneseeeee” o “Piciuuuu”).

E ora tutti si chiedono quali grandi novità seguiranno il taurino. Angolosbocco le sa: rimetteremo in circolazione i tram a cavalli (con la metro c’è qualche problema perché va troppo veloce e i cavalli rimangono schiacciati sotto i vagoni), ripristineremo il reato di adulterio e il delitto d’onore (se la moglie è zoccola il marito se la cava con una multa di qualche taurino di cioccolato) e gli studi di design verranno sostituiti da botteghe di maniscalchi (che se no chi fa la manutenzione ai tram?).

Il problema è sempre lo stesso: la fuga dei cervelli. O meglio, il fatto che i corpi vengano eletti in consiglio comunale.

sfoglia
dicembre        settembre