.
Annunci online

 
angolosbocco 
Bisognerebbe cercare di essere felici, non fosse altro che per dare l'esempio (Prévert)
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  aggregatore delle sinistre
OMONIMO (michi)
rip
GE-NIA-LE!
Robecchi!
teresa
chiara
il blog di paola
il giovane zwingli (stile!)
il fu titollo (degnocomparedifassino)
miss welby
albicoccoalcuraro
il popolo sovrano
egine
unaperfettastronza
zarathustra!
invarchi!
sostiene proudhon
anellidifumo
rojarosevt
PAPARAZZIN
my personal resp org!
ciro
TheBreakfastClub
mi ha scoperto! (grazie)
nato mancino
chuck norris!
il vocabolario di zio nario
  cerca

Free blog counters




"Quando ho la sensazione che in fabbrica ci sia un po’ di disordine – mi diceva un giovane industriale – quando vedo che si profila uno sciopero, io prendo il mio yacht. Me ne vado. In crociera. Alle Bahamas. E mi porto dietro un po’ di operai". "Come viaggio premio?". "No, come ostaggi".
(Marcello Marchesi)


STUPIDARIO COMUNALE

"Mia figlia è stata assunta fruttai" (full-time, ndr)
"Melfi non è in Campania? AH già, infatti i miei parenti sono della costiera amalfitana, vengono da Malfi"
"Qui c'è una lettera che mi critica sul giornale. Ah, ma voglio proprio vedere la Stampa di domani. C'è scritto 'segue firma', domani la pubblicheranno!"

"Ho visto un soggiorno lifting..."
"C'è stata un'altra manifestazione di splatters"
(nel 1998): "Sono indaffarata per il centenario della Repubblica
"Ho saputo che tuo padre ha avuto un iptus".
"C'è in linea l'assessore della Fiat".
"Hanno trovato un pesce metà squalo metà serpente. Esiste da 80 milioni di anni!"."E' tutta colpa degli esperimenti nucleari".
"Abbiamo il nostro uomo all'Havana". "Non conosco il dottor Lavana".
(cercando la dott.ssa Cortese): "Avrei appuntamento con la dottoressa Gentile".
"Scusate il ritardo, ho dovuto portare mia moglie dallo speleologo".
(parlando dei propri associati): "I miei sudditi..."



__________________________________

"Per egemonizzare il pd servirebbe un esorcista". (tatablues)

"Ratzy è un pinguino vestito di bianco che dice porcherie". (Ale della classe di Antigone)




"Gli aziendalisti sono diversamente universitari".
(Zarathustra)

"Yes, weak end". (Indyeuge)




La frase del momento
La cordata, non c'è altro modo.

La jena più bella degli ultimi giorni

Infiltrati.
Maroni lancia l'allarme su possibili infiltrati nel corteo della Fiom. Oddio, ci va anche lui?

[www.lastampa.it]

Consigli per gli acquisti
Un terzino destro.

Il mio personale Pantheon del momento
Michele Serra
Bruno Buozzi
Javier Zanetti

James Bond
Giacinto Facchetti

La canzone del momento
Save the last dance for me (Tina Turner)

 

BlogNews


 

Diario | Attico | Le avventure del giovane Zwingli | Il Barone Rampicante | Vita da Al Fano |
 
Diario
1visite.

15 dicembre 2008

Perché i bambini preferiscono babbo natale a gesù bambino.

1. ci si può fidare di un babbo con la barba, molto meno di un bambino con la barba.
2. le renne sono più credibili degli arcangeli.
3. in lapponia ci sono meno autobombe che in palestina.
4. babbo natale porta i regali, gesù chiede penitenze.
5. non c’è mai stato un solo scandalo di elfi pedofili.
6. babbo natale non si limita a moltiplicare pani e pesci, ma si allarga anche a pelouche, bambole, playstation, eccetera.
7. babbo natale non si fa rappresentare da gente come ratzinger e ruini.
8. babbo natale non dice di essere figlio di dio e alla fine dei due è l’unico a non essere mai morto.
9. babbo natale non si è mai fatto beccare né mettere in croce.
10. babbo natale è sicuramente babbo, il babbo di gesù ancora non si è capito chi cazzo sia.

16 gennaio 2008

La platea.

Come dice la Stampa, “il Papa rinuncia alla Sapienza”. Francamente, non avevo dubbi. Anzi, se la Stampa è in crisi con i titoli, ho alcuni altri personaggi da suggerire, tutti che hanno rinunciato da tempo alla sapienza. Per non sbagliare si può iniziare con Fassino, ad esempio.
Però non tutti sanno il vero motivo della rinuncia di San Benedetto, l’unico papa oligominerale. Il motivo è un sogno che ha fatto Ruini. Dopo averne parlato con Ratzty, hanno deciso insieme che era meglio lasciare perdere la visita.
Angolosbocco, esempio di giornalismo d’inchiesta, ha lo scoop del secolo: il sogno di Ruini! L’ho intercettato grazie agli amici di Telecom, che saluto. Ed eccolo a voi:


Gremita la platea che accoglie l'Imperatore Palpatine alla Sapienza. Il nome non deriva dalla somiglianza con il cattivo di guerre stellari (ovvio che si somiglino, sono la stessa persona), ma dal soprannome che Padre Georg ha dato a Ratzy nell'intimità: Uno è imperatore delle palpatine, l'altro condottiero delle strizzatine.
Sulla sinistra dell'aula magna ci sono gli studenti, forniti di preservativi ripieni di polpa di pomodoro da lanciare. Il loro tentativo è bloccato da Giuliano Ferrara, che urlando “moratoria o no, 194 è il mio peso forma” li assale e mangia tutto: polpa di pomodoro, profilattici, due studenti e quattro sedie.
Sulla destra sono schierati i papaboys, divisi tra le associazioni pro-patria, pro-messa e quella degli scomunicati (eretici erotici): la pro-tetta. Sono pronti, all'ingresso del Papa, a buttare in aria migliaia di coriandoli bianchi e gialli. Quando entra in sala Rita Levi Montalcini si confondono e gettano i coriandoli. Il problema è subito risolto da Giuliano Ferrara, che li mangia tutti, e già che c'è si pappa pure un papa-boy e un microfono.
In mezzo le autorità. In prima fila la Binetti è elegantissima, avvolta in un vestito di Chanel (Totti) e in un cilicio di Christian (Dior); Veltroni indossa il cappello delle grandi occasioni (quello fottuto da Intini al Grande Puffo nel '90 e regalato a Uolter per il suo primo compleanno); Rutelli è sommerso dal fard finché non arriva Ferrara a mangiarglielo e già che c'è ingoia pure il tavolo dei relatori; Prodi dorme.
La trepidazione è al massimo quando il Papa esce dalla Papamobile (quella con motore ibrido, metà a benzina e metà a vin santo), sale le scale ed entra in sala. Poi si ferma a salutare Ferrara e Ferrara lo mangia.

5 novembre 2007

La segreteria di Veltroni.

Varata la segreteria del Pd made in Veltroni.
Eccone i componenti, di cui – come si sa – 9 donne e 8 uomini.


1 Vicesegretario: Dario Franceschini. Giovane, con gli occhiali, capelli castani, cattolico che ama i poveri (a patto che siano etero, naturalmente). Il genero che tutte le suocere vorrebbero.

2 Responsabile organizzazione: Moira Orfei. Doti gestionali e comunicative indiscutibili, proviene dalla società civile. Amante degli animali a tal punto da essersi pentita di averli usati nel circo, dove li sta sostituendo con i rumeni. La dinamica del gruppo.

3 Responsabile diritti civili: Camillo Ruini. Uno che buca il piccolo schermo senza usare il preservativo, uno che sa il fatto suo ma si occupa dei fatti degli altri, uno che può parlare di sesso da vero super partes. Il nuovo che avanza (e che non ci sta nel frigo).

4 Responsabile ambiente: l’orso Yoghi. La sua esperienza a Yellowstone può essere d’esempio per l’intero Paese, nonostante il suo rapporto con i ranger sia un po’ tantino influenzato dal suo passato no global. L’ospite straniero.

5 Responsabile lavoro: Luca Cordero di Montezemolo. Era interessato a occuparsi di un campo che non l’ha mai riguardato da vicino (solo nel 1988 fu a meno di un metro da un lavoratore, e svenne subito). La scommessa.

6 Responsabile sport: Suor Paola. E che non si dica che il sindaco di Roma tifa Juventus. Non ha mai tifato Juve, non è mai stato comunista e non si chiama Walter. La laica che mancava.

7 Responsabile giustizia: Clementina Forleo. È una casalinga di Casalpusterlengo, omonima della magistrata, scelta perché se non puoi governare i casini, almeno confondi un po’ le acque: Clementina Forleo attacca Mastella, ma Clementina Forleo le risponde indignata. Il coniglio estratto dal cilindro (di un’auto).

8 Responsabile campagne elettorali: Tania Dervaux. Una scelta che dimostra apertura all’Europa e soprattutto che il Partito Democratico ha una strategia politica chiara per vincere le elezioni. La politica di bocca buona.

9 Responsabile infrastrutture: Gina Lollobrigida. Un richiamo al mondo del cinema al quale Veltroni tiene molto. Gina è l’emblema di come un’infrastruttura serva a mantenersi giovani e lisci. E se vale per i lifting, perché non per il ponte di Messina? La restauratrice.

10 Responsabile cultura: Simona Ventura. Non tanto per la cultura, quanto per poter mandare Rosy Bindi su un’isola deserta per qualche mese all’anno. La famosa isolata.

11 Responsabile attività produttive: Biancaneve. Un segnale inequivocabile della differenza tra Veltroni e la Tatcher: lui con i minatori vuole dialogare. E poi la mela rossa è un apertura alla sinistra radicale. La più bella.

12 Responsabile economia: La nonna di angolosbocco. Perché risparmia e attraversa la strada da sola. Chiaro ammiccamento al notissimo blogger per portarlo nel Pd. La rappresentante della sinistra.

13 Responsabile terzo settore: Giancarlo Fisichella. Un cognome che piace al centro, un uomo che piace alle donne, uno che nel terzo settore fa spesso il record. Il pid stop.

14 Responsabile donne: Rocco Siffredi. La dimostrazione che per occuparsi di pari opportunità non serva essere donne, anzi: la dimostrazione che occorrano uomini per sensibilizzare gli uomini e ottenere così pari diritti per tutti. In più Rocco alle donne piace perché è super partes, e pure super altro. La quantità totale.

15 Responsabile giovani: Margherita Hack. Il principio è lo stesso del responsabile donne: sempre meglio avere un responsabile super partes, ultra partes, mega partes, no super no party. Inoltre la Hack non è certo seconda a nettuno. La (astro) fisica bestiale.

16 Responsabile esteri: Piero Fassino. No, questo non è uno scherzo.

17 Responsabile formazione per i giovani democratici: Ciriaco De Mita. No, nemmeno questo è uno scherzo.

sfoglia
novembre        gennaio