.
Annunci online

 
angolosbocco 
Bisognerebbe cercare di essere felici, non fosse altro che per dare l'esempio (Prévert)
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  aggregatore delle sinistre
OMONIMO (michi)
rip
GE-NIA-LE!
Robecchi!
teresa
chiara
il blog di paola
il giovane zwingli (stile!)
il fu titollo (degnocomparedifassino)
miss welby
albicoccoalcuraro
il popolo sovrano
egine
unaperfettastronza
zarathustra!
invarchi!
sostiene proudhon
anellidifumo
rojarosevt
PAPARAZZIN
my personal resp org!
ciro
TheBreakfastClub
mi ha scoperto! (grazie)
nato mancino
chuck norris!
il vocabolario di zio nario
  cerca

Free blog counters




"Quando ho la sensazione che in fabbrica ci sia un po’ di disordine – mi diceva un giovane industriale – quando vedo che si profila uno sciopero, io prendo il mio yacht. Me ne vado. In crociera. Alle Bahamas. E mi porto dietro un po’ di operai". "Come viaggio premio?". "No, come ostaggi".
(Marcello Marchesi)


STUPIDARIO COMUNALE

"Mia figlia è stata assunta fruttai" (full-time, ndr)
"Melfi non è in Campania? AH già, infatti i miei parenti sono della costiera amalfitana, vengono da Malfi"
"Qui c'è una lettera che mi critica sul giornale. Ah, ma voglio proprio vedere la Stampa di domani. C'è scritto 'segue firma', domani la pubblicheranno!"

"Ho visto un soggiorno lifting..."
"C'è stata un'altra manifestazione di splatters"
(nel 1998): "Sono indaffarata per il centenario della Repubblica
"Ho saputo che tuo padre ha avuto un iptus".
"C'è in linea l'assessore della Fiat".
"Hanno trovato un pesce metà squalo metà serpente. Esiste da 80 milioni di anni!"."E' tutta colpa degli esperimenti nucleari".
"Abbiamo il nostro uomo all'Havana". "Non conosco il dottor Lavana".
(cercando la dott.ssa Cortese): "Avrei appuntamento con la dottoressa Gentile".
"Scusate il ritardo, ho dovuto portare mia moglie dallo speleologo".
(parlando dei propri associati): "I miei sudditi..."



__________________________________

"Per egemonizzare il pd servirebbe un esorcista". (tatablues)

"Ratzy è un pinguino vestito di bianco che dice porcherie". (Ale della classe di Antigone)




"Gli aziendalisti sono diversamente universitari".
(Zarathustra)

"Yes, weak end". (Indyeuge)




La frase del momento
La cordata, non c'è altro modo.

La jena più bella degli ultimi giorni

Infiltrati.
Maroni lancia l'allarme su possibili infiltrati nel corteo della Fiom. Oddio, ci va anche lui?

[www.lastampa.it]

Consigli per gli acquisti
Un terzino destro.

Il mio personale Pantheon del momento
Michele Serra
Bruno Buozzi
Javier Zanetti

James Bond
Giacinto Facchetti

La canzone del momento
Save the last dance for me (Tina Turner)

 

BlogNews


 

Diario | Attico | Le avventure del giovane Zwingli | Il Barone Rampicante | Vita da Al Fano |
 
Diario
1057458visite.

22 luglio 2010

Andare a tempo.

Da almeno vent’anni a Milano la sinistra non combina un cazzo: perdono sempre. L’unica volta che hanno vinto hanno chiesto scusa e hanno rimediato quanto prima.
È vent’anni che cercano di fare un’opposizione seria e prendono sonore scoppole.
Così finalmente hanno capito come invertire il trend: fare l’opposizione cazzona.

Signore e signori benvenuti a bordo, è il comandante che vi parla. È il 21 di luglio, ci sono 35 gradi all’ombra e il pd ha appena presentato il piano neve. Forse chiederanno che venga discusso subito, vista l’evidente urgenza della faccenda.

Il pd ha questa grande capacità: non fare mai nulla che non possa suscitare gioia e ilarità negli avversari. Farsi ridere dietro (ma anche davanti, che siamo tutti bipartisan) è il marchio di fabbrica di questo grande partito, quello che doveva unire le grandi tradizioni politiche italiane (ci credevano, ho le prove), avere vocazione maggioritaria e vincere le elezioni del 2008. Ora hanno il 20% se va bene, non sanno chi sono e presentano il piano neve. Perché in effetti di cocaina ne gira davvero troppa.

Tendenzialmente sono in ritardo di 10-15 anni su tutto, ma questa vicenda del piano neve li ha messi in crisi: come si fa a rimanere fermi al secolo scorso su una cosa che capita ogni anno? Hanno pensato di presentare il piano a ottobre, in ritardo di 10 mesi, ma hanno poi capito che rischiavano di essere perfetti, con il congruo anticipo di un mese. Così hanno deciso che luglio era il momento migliore: ritardo clamoroso sull’inverno scorso, anticipo ridicolo sul prossimo dicembre. Scientifici i ragazzi.

Ma il pd milanese non ha intenzione di fermarsi.
Ad agosto grande battaglia culturale su carnevale: verrà presentato il piano per ripulire le strade dai coriandoli.
A settembre una bella interrogazione al sindaco sul perché non sia ancora pronto il palco per le celebrazioni del 25 aprile.
A ottobre si lancerà l’allarme adolescenti: cosa fargli fare alla fine della scuola mentre i genitori non sono ancora in ferie?
E finalmente a novembre – come ormai tutti si attendono – un grande dibattito sull’emergenza caldo. Intervengono Penati (“il caldo e i rom che puzzano”), Martinazzoli (“il caldo e i giovani come me”), Civati (“il caldo come paradigma della complessità e della modernità innovativa e complessa perché siamo nuovi nuovi nuovi”), Reichlin (“da Gramsci al condizionatore”).

Partito democratico: l’unica vera alternativa. Al bagaglino.

sfoglia
maggio        settembre